Web Marketing Festival 2015: ti racconto come è andata…

Hai presente la partenza per la gita delle superiori, quando tutti i ragazzi sono impazienti di trascorrere qualche giorno in totale libertà e divertimento tra i propri simili? Non poteva che sentirsi così una Girl Geek D.o.c. all’alba del Web Marketing Festival 2015 di Rimini, svoltosi il 19 e 20 giugno. Due giorni senza rigide tempistiche per i testi da consegnare, senza social da monitorare: soltanto una lenta, profonda immersione tra report, speech, case study. Ma anche confronti, nuove conoscenze, scambi di idee e condivisioni di esperienze.

Per i 2600 partecipanti, il Festival è stato molto più di un aggiornamento professionale. Potrei parlarti per ore dei brillanti interventi effettuati dai migliori professionisti italiani nell’ambito del web marketing, riportare numeri e nozioni che hanno caratterizzato i 120 momenti formativi di altissimo livello o, ancora, elencarti tutte le tematiche oggetto di approfondimento durante la due giorni riminese.

E’ tutto lì, tra le pagine di un quaderno che sfoglierò spesso nei prossimi mesi. C’è altro, però, che ora voglio provare a catturare, per condividere con te ciò che di più prezioso mi ha lasciato questa manifestazione. Del resto, i report puntuali e approfonditi relativi ai contenuti degli eventi non mancano in rete. Io preferisco soffermarmi non su ciò che si svolge, ma su ciò che capita al Web Marketing Festival.

Capita che condividi la stanza con una ragazza tanto giovane quanto professionale e determinata, che conosci solo virtualmente e che anche dal vivo dimostra di meritare tutto il successo che sta avendo grazie al suo blog, come Martina De Nardi. Una giovane professionista che non si fa problemi a distribuire qua e là manciate di consigli e manciate di entusiasmo.

Capita che compri i libri dei tuoi mentori nel campo della comunicazione online, per poi incontrarli pochi passi più in là e scattare qualche foto, ripensando con divertimento a quando sognavi di inseguire rock star e mai avresti immaginato di inseguire blogger. Di questo Riccardo Esposito ne sa qualcosa…

Web Marketing Festival 2015

Capita anche che alcuni di questi personaggi, una volta saliti sul palco, riescano a rivelarsi perfino più degni d’ammirazione di quanto ti aspettassi, come Valentina Falcinelli, che di montato ha solo la penna, e che con un microfono in mano dispensa puro amore romantico per la bellezza della lingua italiana.

Capita poi che, se nella tua città vive uno dei professionisti che stimi di più, ma non sei mai riuscita ad incontrarlo, te lo ritrovi accanto proprio prima della fine dell’evento e finalmente riesci a scambiarci due parole (attento Claudio Gagliardini, settembre è vicino!).

Capita perfino che incontri un collega con il quale collabori e che le scale mobili diventano luogo per una fulminea, improvvisata riunione perché subito le nozioni si trasformano in idee. Qualche gradino da condividere ed è già tempo di correre verso il prossimo evento (ma quelle idee, Enrico, prossimamente le recuperiamo!).

Capita che, sul palco e tra le fila di sedie, sulle scale e nei corridoi, 2600 persone si dimostrano pronte a mettere in campo passione, determinazione, voglia di migliorarsi e di sperimentare, fiducia e voglia di fare, nonostante tutto. Capita che la concorrenza ceda il passo alla cooperazione e al confronto, allo scambio di consigli e suggerimenti, alla condivisione di sogni e progetti che nessuno, giovane o meno, è pronto a mettere da parte nonostante le storture le difficoltà del contesto attuale.

Ho portato a casa molte preziose nozioni dal Web Marketing Festival. Ma ho portato a casa anche di più: la riprova di quanto sia importante fare rete e creare sinergie, cooperare e condividere conoscenze ed esperienze. Mi sono riempita i polmoni di determinazione e di quel pizzico di ottimismo necessario per affrontare gli ostacoli, senza fare sgambetti, ma unendo le menti e mettendo a frutto le competenze tecnologiche per fare la differenza. Noi di GGD Cremona siamo pronte a raccogliere la sfida, e tu?

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppTelegram+

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*