Storia di una email…purchè sia ben fatta!

Si parla e si legge di email marketing, newsletter, invio di comunicazioni efficaci, ma non è mai abbastanza chiaro all’interno di una organizzazione chi lo deve fare e quando va fatto.

E’ proprio per questo che abbiamo deciso di raccontarti dell’incontro nato per caso fra ggdcremona, il presidente di Auser Unipop Cremona e Federica, giovanissima (quasi) mamma, che si occupa di comunicazione all’interno dell’associazione Auser Unipop Cremona.

Si cercava un modo per veicolare un’informazione importante a studenti e istituzioni: l’inaugurazione del nuovo anno accademico.

Ci mettiamo al lavoro e scopriamo che esiste una base dati di email praticamente inutilizzata :-)

Beh, poco male, siamo sempre in tempo per utilizzarla, ma come?
Le domande arrivano tutte insieme: newsletter? Ma che cos’è? Perché la devo usare? Cosa succede una volta che l’ho mandata?
Calma calma, una domanda alla volta e soprattutto un passo alla volta.

email marketing process

Rimboccate le maniche ci siamo dette:
Obiettivo?
Far sapere ai nostri studenti, alle associazioni e ai nostri sostenitori che il 16 ottobre 2015 ci sarà l’inaugurazione del nostro anno accademico

Attività:
– Disegnare una comunicazione semplice ed efficace: deve contenere data, ora, luogo e il motivo per cui è importante esserci. Deve anche essere coinvolgente, quindi deve raccontare di noi, emozionare il lettore e farlo entrare in empatia con l’associazione.
– Scegliere un hashtag per far parlare i social di questo argomento; trovare un aggregatore tematico per rendere più facile la ricerca di messaggi che parlino dell’inaugurazione
– Individuare la base dati utenti
– Inviare la comunicazione
– Raccogliere e ragionare sui risultati
Quale è stato il momento più intenso?
Indubbiamente il disegno della comunicazione. I colori giusti, quelli del logo sui punti salienti, ma non troppo colorata per non deviare l’attenzione.
Il design per mobile: importantissimo! Se gli utenti leggono da smartphone non possono vedere un’accozzaglia di informazioni ma devono andar dritti al punto e comunque devono avere la stessa piacevole esperienza di chi legge da PC.

Quale è stato il momento più emozionante?
Quando Giorgio ha visto l’applicazione mobile per il reporting con l’incremento delle aperture della newsletter che saliva ogni mezz’ora :-)

Quale è stato il momento più gratificante?
Quando ho potuto vedere come è andata! Sì, perché è questo il bello: con un servizio di email marketing sai sempre come è andata.

Curioso di sapere la fine della storia?
Abbiamo scoperto che gli studenti sono molto più reattivi di associazioni e biblioteche.
Che le associazioni lo sono di più rispetto alle biblioteche.
Che i nostri studenti avevano voglia di sentirsi parte attiva: su quasi 3000 invii solo una manciata si sono disiscritti e l’incremento di visite sul sito è stato importante.
Sono andati a cercare proprio l’articolo che parlava dell’inaugurazione e del micro festival di musica antica associato.

Ti sembra poco?
In quale altro modo avresti potuto raccogliere queste informazioni se non con la tecnologia?

Un ringraziamento va ad Auser Unipop Cremona e alle persone che si stanno muovendo per farla crescere anche con l’uso di strumenti che vanno oltre il fare associazione. Sperimentando senza paura.

Questa è stata una esperienza importante perché  hanno capito pian piano di possedere un capitale e un potenziale fino ad oggi poco sfruttato, ma che darà via via valore agli studenti.
Con più consapevolezza, e un piccolo passo in più, si guarda avanti in modo diverso!
Voglio ricordare infatti che l’obiettivo principale di questa associazione è la valorizzazione delle attività e delle esperienze che i cittadini possono sfruttare attraverso percorsi innovativi, basati su uno sviluppo da oggi anche tecnologico, per migliorare la qualità della vita delle comunità.

In bocca al lupo Auser Unipop Cremona!

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppTelegram+

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*